Lingerie Curvy Kate: campagna #MyBodyVictory per le ‘vittorie del proprio corpo’

Il brand inglese di lingerie Curvy Kate ha appena lanciato la campagna pubblicitaria #MyBodyVictory, che incoraggia le donne a parlare delle vittorie del loro corpo.

Con sei ambasciatrici che condividono le loro storie di accettazione del proprio corpo, la campagna #MyBodyVictory di Curvy Kate celebra le donne in tutte le loro forme. Protagonisti della nuova campagna inclusiva di questo brand sono la modella plus-size e attrice Hayley Hasselhoff, l’influencer Lauren Smeets, la fondatrice di SheAspiresUK, Jennifer Okolo, Chanel Ambrose, fashion e lifestyle blogger, Grace Latter, scrittrice e influencer, e la modella e blogger su sedia a rotelle Clara Holmes.

Ciascuna delle donne che partecipano alla campagna parla delle vittorie del proprio corpo in una serie di brevi video. Hayley Hasselhoff, ad esempio, racconta: “Ho avuto vari momenti di rivincita rispetto al mio corpo, come se fosse lui a cambiare per me. Questa sensazione è un esempio di elemento da cui si può capire che si cresce sempre, che c’è sempre qualcosa di nuovo da superare e amare “. Sono molti gli aspetti che la modella figlia dell’attore americano David ha rivelato di non amare in passato, come il suo “grande seno” in giovane età o una cicatrice sulla gamba causata da un incidente.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono visibili a causa delle tue impostazioni cookie! 

Questo succede perché “Google Youtube” utilizza cookies che hai scelto di non scaricare. Per poter visualizzare il contenuto abilita i cookies: clicca qui per aprire le tue preferenze e aggiorna la pagina.

Clara Holmes, altra protagonista del video, modella e utilizzatrice di sedia a rotelle, ha dichiarato: “Volevo essere parte di #MyBodyVictory perché penso che sia importante per le donne celebrare il proprio corpo e sentirsi a proprio agio in esso. Sono passata dall’essere una grande camminatrice all’utilizzo della sedia a rotelle, e questa condizione mi aveva letteralmente demoralizzata. Poi – continua – ho pensato che fosse giunta l’ora di dire basta. Ho passato troppi anni a essere infelice rispetto alla mia condizione e sono arrivata a una conclusione: la vita è troppo breve per non apprezzare tutto ciò che sei”.

A dare la sua testimonianza c’è anche Grace Latter, donna sopravvissuta a un importante intervento di chirurgia cerebrale, che ha già ispirato utenti della Rete a commentare frasi come “La vittoria del mio corpo è che sta sopravvivendo al cancro. E le mie tette sembrano ancora fantastiche dopo tutti questi anni”.

La campagna, che prevede anche un contest con scadenza 29 agosto, ha già ispirato centinaia di donne a utilizzare l’hashtag pubblicandolo accanto ai propri selfie su Instagram e Twitter. Curvy Kate, intanto, spera che la campagna incoraggi sempre più donne a vedere il loro corpo sotto una luce positiva. “Gli influencer arrivano al cuore degli utenti e spesso seguiamo le persone con cui ci relazioniamo, proprio grazie alle storie condivise con noi online”, spiega Aneela Ashraf, PR e content executive dell’azienda. “Si tratta – aggiunge – di incoraggiare tutti a condividere la vittoria del proprio corpo, che sia qualcosa di epico o di importanza apparentemente minore. Le nostre storie ci modellano e possono spesso conferire agli altri il potere di riscattarsi”.

Curvy Kate, che include nel suo catalogo novanta modelli di lingerie, vende reggiseni disponibili dalla 32A alla 44DD taglie inglesi (dalla prima coppa A a un’abbondante decima coppa DD), biancheria intima, pantaloni e abbigliamento da sera in taglie dalla XS alla 3XL.

LEGGI ANCHE: TABELLA DI CONVERSIONE TAGLIE

Noemi Matteucci

Noemi è docente di lingua inglese, laureata in traduzione tecnico-scientifica e giornalista pubblicista. Ama il buon vino e il buon cibo. Curiosissima e dinamica, adora viaggiare e perdersi nella natura, che si tratti del giardino di casa, di un parco o di montagna. È nata e vive nella verde Umbria.

Lascia un commento

Questo articolo ha un commento

  1. Paolo

    tutti i corpi a prescindere dalla loro avvenenza meritano rispetto