“Ho perso peso e mi sento fuori dalla comfort zone”: la lettera di Marica

Ciao Semplicemente Curvy, sono qui a scriverti perché ho una domanda per te. Ti sei mai chiesta cosa succede al vestiario di una donna molto in carne quando inizia a dimagrire?

Fuori dalla comfort zone dopo il dimagrimento

Nell’ultimo anno e mezzo ho perso circa 30 Kg, non ti dirò da quanto partivo, ma posso dirti che ne dovrò perdere ancora tanti.  Ultimamente mi sta succedendo qualcosa di strano, ho come la sensazione di essere uscita fuori dalla comfort zone.

Marica

Prima, sapevo che non molti negozi erano propensi alle grandi taglie. Dovevo accontentarmi di quello che offriva il mercato o qualche sporadico negozietto che il più delle volte mi diceva di avere “qualcosa per me”, qualcosa che però non rispecchiava mai la mia giovane età.

Così ho imparato a guardarmi allo specchio con vestiti che non mi appartenevano, che non mi rispecchiavano, sempre neri, sempre larghi, sempre sformati e finivo per scegliere sempre quelli meno vistosi per non cadere nel ridicolo, per non espormi più di tanto, perché già mi esponevo troppo con le mie forme. Tu dirai che non è importante quello che pensano gli altri, ed hai ragione, ma noi donne in carne ci giudichiamo così tanto e tacitamente, con una cattiveria tale che quando qualcuno per strada ci deride non possiamo far altro che dar loro ragione con tanta amarezza.

Con questi chili in meno ho iniziato a vedere tutto diversamente. Improvvisamente i cambi di stagione si sono rivelati dei momenti per scartare tutto quello che ormai mi va troppo largo (circa 8 taglie in meno) e dall’altra il mio accesso nei negozi è aumentato. “Ma che bello questo, e mi va anche!”, è una soddisfazione grande riuscire ad entrare in una 54, riuscire a trovare un pantalone bello che mi risalti, o una maglietta o un vestitino colorato che mi faccia apparire esattamente come sono, morbida e bella.

Mi vien di ringraziare questa nuova era della moda che permette alle plus-size di essere esattamente quelle che vogliono, questa era del digitale che permette la scelta di molti capi ancora inesistenti nei diversi negozi. Anche se il vento sta cambiando, finalmente! Così ripenso alla mia adolescenza, a quanto sono stata condizionata da queste mode che mai includevano il mio modo di essere in carne. Mi sentivo esclusa, mi sentivo affranta, mi sentivo incompresa. Poi sono uscita fuori dalla comfort zone e… uscire fuori dalla comfort zone è bello, certo destabilizza un po’ ma è come iniziare a mettersi in gioco!

Marica Caramia

Marica è Laureata in Scienze dei Beni culturali. Ama tantissimo leggere e predilige la buona lettura, viaggiare e addentrarsi con rispetto nella natura. Da buona pugliese adora cucinare e mangiare. I gatti, i film e le buone tisane le tengono spesso compagnia; la poesia e il disegno la completano.

Lascia un commento